Resoconto incontro rappresentanti – Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Prof. Giacomo De Leo

cropped-2013-01-18-20.07.05.jpgIn data odierna, in merito ad alcune problematiche segnalateci dagli studenti, una delegazione di noi rappresentanti del Consiglio di Corso di Studi di Medicina ha incontrato l’Amplissimo Preside Giacomo De Leo il quale ci ha ricevuti ed ascoltati in merito alle seguenti problematiche:

1.     Statodi sporcizia dei servizi igienicicattivo odore che invade i locali epresenza diblatte presso l’aula di Patologia (corso Tukory);

2.     Ingresso di persone estranee durante lo svolgimento delle lezioni presso l’aula di Ginecologia(Policlinico) e disturbo/pericolo arrecato agli studenti;

3.     Malfunzionamento della porta di emergenza ubicata presso l’aula D, complesso didattico “Aule Nuove”, via Parlavecchio;

4.     Carenza di aule studio riservate agli studenti all’interno del complesso didattico delle “Aule Nuove”.

In merito al primo punto, è stato segnalato al Preside lo stato di sporcizia in cui versano i bagni annessi all’aula sede dilezione,  il cattivo odore che emanadagli stessi locali e la presenza di scarafaggi; a tal proposito, verrà programmato un intervento di puliziastraordinario da eseguirsi nell’immediatezza. E’ stata richiesta, inoltre,dall’ufficio di presidenza una manutenzione straordinaria del pozzetto checollega lo scarico dei servizi igienici alla rete fognaria cittadina. La mancata manutenzione del suddetto pozzetto di scarico, infatti, sembrerebbe essere la causa del ritorno deicattivi odori. Relativamente alla presenza di blatte all’interno dell’aula edei bagni verrà programmato un intervento di disinfestazione da eseguirsi nel più breve tempo possibile, preferibilmente nel fine settimana per non intaccare il normale svolgimento delle lezioni.

In merito al secondo punto, è stato fatto presente che, durante lo svolgimento delle lezioni edurante le pause che seguono e precedono le lezioni, presso l’aula di Ginecologia, ubicata presso il Policlinico e con accesso da via GiordanoAlfonso,  un gruppo di adolescenti, non universitari, raggiungono l’aula disturbando il normale svolgimento delle lezioni. Tali persone lanciano insulti e provocazioni agli studenti che li invitano garbatamente ad uscire dall’aula. Più volte è stato rimarcato il timore degli studenti per la possibilità che possano verificarsi atti di violenza e furti degli effetti personali lasciati in aula durante la pausa. Sono state proposte, daparte dell’ Ufficio di Presidenza, varie soluzioni che verranno attuate per risolvere il problema. In primo luogo verrà sollecitato il servizio di sorveglianza affinché vigili con più efficacia. In secondo luogo verrà preso in considerazione il ripristino funzionale dell’accesso all’aula dalla parte interna del Policlinico e la chiusura dell’ingresso da via Giordano Alfonso. In terzo luogo verrannoinformatele forze dell’ordine e si tenterà di istituire, come in passato, un numero telefonico breve per le emergenze, a servizio degli studenti, che garantisca il repentino intervento di una volante nella zona del Policlinico. Il Preside ha raccomandato che è di vitale importanza denunciare sia alle strutture di Facoltà che alle Forze dell’ordine qualsiasi evento che possa pregiudicare l’incolumità di ciascuno in quanto, senza questo tipo di segnalazioni, le forze dell’ordine sono impossibilitate ad agire.

Relativamente al terzo, è stato denunciato il malfunzionamento del maniglione antipanicodella porta di emergenza posta in aula D, presso il complesso “Aule nuove”ubicato in via Parlavecchio. Considerata la gravità del caso e considerato chesi potrebbe configurare un grave rischio per l’incolumità degli studenti in caso di emergenza, verranno presiprovvedimenti in seguito ad una nostra segnalazione scritta.

Riguardo il quarto ed ultimo punto, si prende atto di una minore fruibilità di aule riservate esclusivamente allo studio individuale. Ciò è dovuto alla contemporanea opera di ristrutturazione e manutenzione di altri complessi all’interno del Policlinico con conseguente dirottamento nel complessodelle “Aule Nuove” di lezioni e altre attività inerenti la didattica.

 

I Rappresentanti del CCS di Medicina e Chirurgia. 

 

You may also like...

Lascia un commento