Resoconto Consiglio di Corso di Laurea 02/04/2014 – Medicina e Chirurgia Pa

logoAPPROVAZIONE DI UN CORSO DI LAUREA CON 3 CANALI. Per i prossimi immatricolati a partire dall’anno accademico 2014-2015, (che avranno accesso secondo graduatoria di merito, a seguito del test di giorno 8/04/2014 e poi negli anni a seguire) sarà attivo un solo Corso di Studi in Medicina e Chirurgia, anziché due come accade attualmente (Palermo- Caltanissetta). L’unico CdS abbraccerà tutti e tre i canali, ad oggi noti come Ippocrate, Chirone e Hypatia. Ribadiamo che tale provvedimento non interesserà gli studenti attualmente iscritti, ma quelli che si iscriveranno il prossimo anno accademico.

– APPROVAZIONE DI UN NUOVO PIANO DI STUDI PER IL NUOVO UNICO CORSO DI STUDI, che sarà attivo dall’anno 2014-2015. Pertanto anche questo provvedimento non riguarderà gli studenti attualmente iscritti al Corso di Palermo e a quello di Caltanissetta.

– INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE GIUSEPPE CAPONETTI:
CONSIDERATO che il nuovo piano di studi prevede materie al secondo semestre del sesto anno, al contrario di quanto previsto per i piani di studi attualmente validi per gli studenti iscritti;
VISTO che tra sei anni i futuri colleghi studenti non potranno sostenere esami al secondo semestre del sesto anno (la qual cosa è, invece, adesso possibile) a causa delle normative vigenti, che impediscono di svolgere esami in periodi didattici di lezione
VISTO il maggiore controllo che sarà esercitato sulla frequenza degli studenti
VISTO il resto dello scenario universitario europeo, al quale ci si prefigge di adeguarsi

SI PROPONE di potenziare lo strumento delle prove in itinere per le suddette materie, al fine di facilitare gli studenti nel superamento delle stesse, cosa che invece sarebbe più complicata con il semplice esame di fine corso.

RISPOSTA DEL COORDINATORE E. FIORENTINO: la problematica posta risulta corretta perché il secondo semestre del sesto anno è un periodo utile agli studenti per recuperare molte materie ed evitare di diventare Fuori Corso. Comunque considerata la distanza temporale tra ora e gli eventi presi in considerazione per il sesto anno afferente al nuovo piano di studi, non è escluso che possano essere provvedimenti in tal senso, anche dal punto di vista normativo.

– APPROVAZIONE DELLA CONVALIDA DI MATERIE CURRICOLARI IN VECCHI PIANI DI STUDIO, (CORSO DI PRIMO SOCCORSO E INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLA MEDICINA) COME ADO.

– COMUNICAZIONE DA PARTE DEL COORDINATORE DEL CORSO DI STUDIO E. FIORENTINO DELLA MANCATA SOSPENSIONE DELLE LEZIONI IN DATA 8/04/2014. Soltanto alcuni professori del nostro CdS, saranno impegnati nelle commissioni di sicurezza per i test di accesso a Medicina. Questi professori qualora lo riterranno opportuno potranno sospendere le loro lezioni. Il resto delle lezioni si svolgerà regolarmente.

– COMUNICAZIONE DA PARTE DEL COORDINATORE E. FIORENTINO IN MERITO AL NUMERO DI NEO – ISCRITTI A PALERMO (463) E A CALTANISSETTA (90) .

– APERTURA QUESTIONE TRASFERIMENTI DA CALTANISSETTA DEGLI IMMATRICOLATI ALL’A.A. 2013/2014.

Si è aperta una delicata discussione sul contenzioso creatosi a causa della stipula di tre graduatorie differenti (una per gli immatricolati senza bonus maturità, una per gli immatricolati con bonus, una per i ricorsisti), ma egualmente tutte valide per vincoli legislativi e giuridici che non dipendono direttamente dall’Università di Palermo.
1) A causa dell’abbondanza di iscrizioni in sovrannumero, determinate dai suddetti vincoli legislativi e giuridici, si è creato il problema del sovraffollamento delle aule, pericoloso per la sicurezza dei loro occupanti.
2) Applicando proporzioni uguali a tutte le graduatorie, secondo punteggi ivi riportati (gli ultimi di una graduatoria sono trasferiti a Caltanissetta) , le segreterie hanno proceduto allo smistamento degli studenti (che non avevano scelto Caltanissetta come prima sede preferita, bensì Palermo) tra Palermo e Caltanissetta. Moltissimi di questi studenti avevano già seguito e svolto esami a Palermo, oltre che affittato una stanza. Il trasferimento è stato per lo più un atto forzoso, imposto dai vincoli suddetti e dalle questioni di capienza delle aule citate al punto 1)

INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE GIOVANNI MULè:
CONSIDERATO alcuni paradossi venutosi a creare, secondo cui uno studente con punteggio x afferente alla graduatoria senza bonus viene assegnato a Caltanissetta, mentre uno studente con lo stesso punteggio o inferiore, ma afferente ad altra graduatoria rimane a Palermo;
CONSIDERATO che è reperibile il punteggio aggiuntivo del bonus maturità per tutti gli immatricolati a prescindere dalla loro graduatoria di appartenenza;
CONSIDERATE le immatricolazioni in sovrannumero a seguito di ricorso, tramite le quali hanno avuto accesso studenti con punteggio inferiore a 20, contrariamente da quanto stabilito dal bando;
CONSIDERATI i gravi ritardi nella comunicazione dell’assegnazione di sede, da parte delle istituzione universitaria e in particolar modo da parte delle segreterie, soltanto in data 19/03/2014 alle 17:30, cioè appena 1 giorno lavorativo prima dell’inizio delle lezioni del secondo semestre del primo anno;
CONSIDERATI i gravi e diversi disagi conseguenti a carico degli studenti trasferiti forzosamente, nonostante avessero già seguito lezioni, sostenuto esami, affittato stanze ( con riferimento agli studenti fuori sede, in special modo a quelli provenienti da altre regioni) a Palermo;
CONSIDERATO il rispetto dovuto, nonostante i vincoli burocratico-legislativo-giudiziari, agli studenti in quanto persone e non semplici numeri,
CONSIDERATA l’assoluta uguaglianza a Palermo, in termini di qualità formativa e le grandissime potenzialità della sede di Caltanissetta e l’immotivata diffida nei confronti di tale sede, da parte di molti candidati per l’accesso a medicina;
SI CHIEDE se fosse possibile stilare una graduatoria unica interna all’ateneo, utile esclusivamente alle assegnazioni Palermo-Caltanissetta, che prenda in considerazione per tutti gli studenti immatricolati il bonus maturità;
SI CHIEDE quali siano le giustificazioni legali delle immatricolazioni con punteggio inferiore a 20;
SI CHIEDE di andare incontro alle esigenze degli studenti, per quanto possibile, in quanto ai trasferimenti di ritorno da Caltanissetta e di trovare soluzioni per il problema del sovraffollamento delle aule, quali ad esempio la divisione della classe di un canale a metà e lo sfruttamento contemporaneo di altre aule, anche in Viale delle Scienze;
SI PROPONE per gli anni a venire, di pubblicizzare meglio la sede di Caltanissetta e tutto ciò che ha da offrire

RISPOSTA DEL PRESIDENTE DELLA SCUOLA F. VITALE
Non è possibile stilare una diversa graduatoria utile all’assegnazione Palermo – Caltanissetta in quanto non è concesso ad un ateneo stilare una graduatoria interna, diversa nei principi da quelle nazionali.
Il motivo dell’accesso di studenti con punteggio inferiore a 20 sta nelle motivazioni della sentenza del T.A.R. che guardano il rispetto della privacy dei concorrenti e non tanto il merito nel punteggio conseguito al test.
La ratio utilizzata per le assegnazioni ha delle motivazioni legali, ma non si è sottovalutato il lato umano della vicenda e il rispetto dovuto alle singole persone. Si è anzi cercata la soluzione migliore, non si è potuto far di più, anche perché la situazione non dipende direttamente dall’Università di Palermo.
Non è accettabile nessun trasferimento (che non sia fatto alla pari) in quanto le sedi sono già sature, bisogna mirare all’equilibrio di studenti tra le due sedi, considerando la capacità delle aule, altrimenti ci sarebbero gravi carenze sulla sicurezza in caso di pericolo ed emergenza.

La posizione del prof. Vitale è ripresa o contrastata da diversi professori.
Segue comunque la trattazione e l’inizio delle votazioni dei singoli casi di trasferimento presentati in consiglio dal coordinatore del corso di studi, intervallata da altri brevi interventi circa l’opportunità di certi trasferimenti e le modalità per valutarli. Altri interventi ancora ribadiscono l’impossibilità di accettare trasferimenti a prescindere da qualsiasi motivazione.

INTERVIENE IL RAPPRESENTANTE SIMONE OLIVA:
CONSIDERATO che il problema del sovraffollamento delle aule si ha a prescindere dai trasferimenti, in quanto il nostro CdS è costretto e sarà costretto nei prossimi giorni ad accettare tutti coloro che vinceranno il ricorso al T.A.R. citato,
SI CHIEDE una maggiore flessibilità nei confronti di coloro che vorranno trasferirsi da Caltanissetta e non un blocco a priori.

A questo punto, constatata la mancanza del numero legale per le votazioni dei casi di trasferimento e dei successivi punti all’OdG, causata dall’assenza di numerosi professori (andati via subito dopo la discussione del piano di studi), il Coordinatore del Corso di Studi E. Fiorentino, dichiara la seduta sospesa e rinviata a 15 giorni di distanza circa.

 

 

You may also like...

Lascia un commento