Il nostro programma! – Rinnovo della Rappresentanza Studentesca negli Organi Superiori

Il 16 e il 17 Maggio si rinnova la rappresentanza studentesca negli Organi Superiori (Senato Accademico, Consiglio di Amministrazione e Comitato Sportivo Universitario). 

Si può votare in tutti i seggi dell’ateneo con un documento di identità, libretto o UNIPA Smart Card: clicca qui per scoprire dove sono ubicati.

La nostra associazione aderisce alla Lista PROGETTO ATENEO e presenta i suoi candidati:

Schermata 2017-05-05 alle 09.44.52

GIUSEPPE CALCAVECCHIA (SENATO ACCADEMICO)

FLAVIO SCARLATA (CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE)

GIUSEPPE AMARI (COMITATO SPORTIVO UNIVERSITARIO)

Ti chiediamo di sostenere il nostro gruppo attraverso il voto, per una rappresentanza libera, giovane, apartitica e presente!

Non dubitare mai che un piccolo gruppo di persone possa cambiare il mondo. In realtà, è quello che è sempre accaduto” (Margaret Mead)

Il nostro programma:

1. Miglioramento della didattica

Calendario didattico

Il calendario didattico di ateneo deve essere equo (ma non uguale) per tutti. Gli studenti dei diversi corsi di laurea hanno diverse esigenze e peculiarità: la programmazione che si è fatta finora spesso ha creato problemi ad alcuni corsi di laurea per date di laurea, periodi di svolgimento di lezioni ed esami, numero di appelli…ecc. Pertanto il numero e le date degli appelli d’esame, le date delle sessioni di laurea e le relative scadenze, i periodi di lezione e le pause didattiche vanno adattate il più possibile alle esigenze di tutti e ci batteremo affinché si possano 

delegare le Scuole e in seconda istanza i CdS sul periodo più idoneo per lo svolgimento degli esami didattici e per gli esami di laurea, lasciando a questi una maggiore flessibilità rispetto al calendario accademico.
Promuoveremo la puntualità nella pubblicazione dei calendari didattici.

Attività pratiche e Tirocini
Miglioramento dell’aspetto formativo delle attivit
à pratiche di tirocinio e di laboratorio le ore di tirocinio non devono essere riempite con qualsiasi cosa in maniera del tutto casuale: vanno creati percorsi didattici organici, ben pianificati e uguali per tutti gli studenti. Va poi migliorato l’aspetto organizzativo delle attività pratiche e dei tirocini che deve essere informatizzato e gestito dall’università in maniera efficiente e funzionale e la dotazione di strutture e strumenti a disposizione per le esercitazioni degli studenti.

Inoltre ci batteremo perché si stabiliscano nuovi rapporti tra enti ospedalieri, aziende e università al fine di migliorare le attività pratiche e di stage.

Modalità di lezione ed esami
La didattica deve essere di qualit
à, aggiornata ai cambiamenti culturali, scientifici e professionali, contestualizzata nei nuovi sistemi di comunicazione. 

Chiederemo miglioramenti nella qualità e quantità del materiale fornito dai docenti ed il rafforzamento dei progetti di tutoraggio per il superamento di materie scoglio.

Promuoveremo il potenziamento del sistema e-learning che potrebbe essere un valido supporto per lo studio individuale e la valorizzazione della not-formal education, valorizzando il ruolo di studenti degli ultimi anni e neolaureati.
Omogenizzazione delle modalità d’esame all’interno di diversi canali o cattedre dei corsi di laurea, perchè tutti gli studenti siano giudicati equamente.

Valorizzare i percorsi part-time per gli studenti lavoratori e per gli studenti che per necessità diverse scelgono questa modalità di iscrizione.

2. Tasse più eque e distribuite meglio

In seguito all’approvazione dello “Student Act” e della Finanziaria 2017, da parte del Governo, tutti gli Atenei italiani sono stati chiamati infatti a modificare i propri regolamenti sulla contribuzione studentesca entro il 31 Marzo.

Lo “Student Act” introduce una NO TAX AREA per le famiglie che hanno un ISEE inferiore a 13000 euro e un esonero parziale per gli studenti che hanno un ISEE compreso tra i 13.001 e i 30.000 euro, purchè questi conseguano un numero minimo di CFU e non siano iscritti dal secondo anno fuori corso in poi.
Seguendo lo “Student Act”, Unipa ha accorpato le tasse di diritto fisso, tassa di iscrizione MIUR e contributo di ateneo in un “Contributo omni-comprensivo d’Ateneo”. 

A copertura degli esoneri non si è prevista una distribuzione dei costi su tutti gli studenti con ISEE > 30.001 euro, ma bensì questi fondi sono stati ricavati attraverso un aumento delle aree “medica”,“professioni sanitarie” e “formazione primaria”: saranno solo il pochi, e solo perchè appartenenti a questi corsi di laurea, a pagare un giusto e valido provvedimento! Noi ci batteremo affinché la copertura degli esoneri sia distribuita in maniera equa su tutti i corsi di laurea, per non creare disparità, e affinché attuali o futuri aumenti delle tasse, se non evitabili, garantiscano un reale potenziamento dei servizi agli studenti.

3.Potenziamento collegamenti CUS e promozione nuove attività sportive per gli universitari

Istituzione di una navetta tra Cittadella Universitaria e CUS.

Istituzione di strutture sportive universitarie nei poli decentrati o stipula di convenzioni con strutture sportive già presenti.

Ampliamento dell’offerta del CUS in termini di discipline praticabili (arrampicata sportiva, rugby, ciclismo…ecc.) 

Continueremo la promozione delle iniziative sportive collettive aperte a tutti gli studenti (maratone, olimpiadi unipa, giornate all’aperto dedicate allo sport). 

Integrazione dello sport all’interno dei piani formativi dell’ateneo tramite attività di laboratorio e all’interno di campagne di prevenzione delle principali patologie legate ad obesità e vita sedentaria, promuovendo nei giovani studenti la cultura della salute e del sano stile di vita.


4. Snellimento burocrazia e potenziamento comunicazione istituzionale

La burocrazia deve essere snella e veloce, incentrata sullo studente e sui suoi bisogni, non viceversa. 

Ci spenderemo affinché il SIA migliori i censimenti degli studenti per favorire l’organizzazione delle attività pratiche e gestirle in maniera informatizzata.

Ci impegneremo perché il sito dell’università sia sempre più pieno di contenuti interessanti e utili per gli studenti tramite: 

  • condivisione di materiale didattico tra docenti e studenti

  • pubblicazione avvisi da parte delle segreterie, dei professori, dei coordinatori dei corsi di laurea ecc. e comunicazione delle stesse agli studenti tramite email o sms (es. prossimità della scadenza delle tasse direttamente ricordata dall’ateneo ad ogni singolo studente attraverso sistemi sms o email community)

  • pubblicazione verbali e delibere dei consigli degli organi accademici nella massima trasparenza sul lavoro di tutti i rappresentanti e sul loro registro presenze

  • miglioramento percorsi online del sito unipa, affinché sia più user-friendly

5. Valorizzazione, potenziamento e ampliamento degli spazi comuni per gli studenti. (palestre, biblioteche, sale comuni e studio, aule informatica…)

Miglioramento degli spazi studio e ampliamento dell’orario delle biblioteche centrali delle Scuole in cui non è attivo il servizio serale.
Garantire maggiori spazi per lo studio individuale o di gruppo 

6. Potenziamento del sistema di assicurazione della qualità

La qualità della didattica e dei servizi dell’ateneo non va garantita solo in prossimità delle ispezioni visite ANVUR. Il sistema dell’assicurazione della qualità, a partire dalle commissioni AQ, paritetiche docenti-studenti al nucleo di valutazione, deve funzionare adeguatamente. Pretendiamo maggior controllo da parte degli organi competenti sul rispetto da parte dei docenti degli orari delle lezioni, sulle date degli esami e sul rispetto delle prove itinere.

Bisogna garantire trasparenza nelle valutazioni dei docenti ed efficacia nei richiami e nelle sanzioni a chi è responsabile di abusi e disservizi. Vanno implementate le valutazioni sulle attività pratiche e sulle modalità di svolgimento degli esami, dando anche maggiore peso alle libere segnalazioni degli studenti.

Ci impegneremo a promuovere una valutazione dei Dottorati che sia basata anche sul monitoraggio degli esiti occupazionali dei Dottori di Ricerca. 

7. Potenziamento internazionalizzazione dell’Ateneo di Palermo

Reintroduzione del punteggio del TAL tra i criteri per stilare la graduatoria Erasmus per evitare che borse vadano perse perchè assegnate a studenti che non soddisfino poi requisiti linguistici delle mete ospitanti.

Ci impegneremo perché le graduatorie Erasmus siano suddivise per area linguistica e non per singola meta, in maniera tale da aumentare le possibilità di partire per ciascuno studente e ridurre al minimo il numero di borse perse. 

Ci impegneremo affinché tutti gli studenti possano partecipare al concorso erasmus visto che ancora oggi alcuni corsi triennali e magistrali non riescono ad adottare programmi erasmus per discrepanze tra diversi piani di studio. 

Implementazione del sistema della doppia laurea. 

Promuoveremo una modifica dei regolamenti di laurea al fine di assegnare punti alla laurea, oltre che per esperienze erasmus, anche per altre esperienze formative all’estero di durata maggiore ai 15 giorni e di comprovata qualità.

Implementazione stage ed esperienze internazionali professionalizzanti per gli studenti di tutte le Scuole.

8. Miglioramento sicurezza per gli studenti di tutta Unipa

Agiremo perché la sicurezza degli studenti sia garantita sia all’interno della cittadella universitaria, sia all’interno del policlinico, sia nelle altre sedi universitarie dell’ateneo di Palermo. E’ necessario un efficiente servizio sia negli orari diurni sia in quelli notturni, per evitare fenomeni di microcriminalità o aggressioni, e anche randagismo.

9. Potenziamento dei sistemi di orientamento pre-immatricolazione, post-lauream e placement. e in itinere

Aumentare strategie di marketing e campagne promozionali e pubblicitarie per incentivare l’iscrizione ad Unipa da parte di studenti anche provenienti da altre parti dell’Italia, cercando di presentare esempi concreti di ex studenti Unipa di successo nell’ambito lavorativo.
Attivare fasi di “orientamento in itinere”per contrastare il fenomeno degli studenti fuori corso e attivare, per quegli studenti che mostrano necessità, percorsi formativi mirati. 

Miriamo al potenziamento del counselling post-lauream anche con riferimento alla scelta della specializzazione e delle giornate dedicate alll’orientamento professionale e placement (journeè carrière).

Promuovere l’inserimento nel mondo del lavoro per gli studenti laureati, trasformando i tirocini e gli stage post-lauream vere e proprie occasioni lavorative di lunga durata, che consentano alle aziende di “testare” il laureato e valutarne l’assunzione.

Promozione dell’integrazione tra università e realtà lavorative del territorio.
Incentivare la collaborazione tra studenti di diversi corsi di laurea che lavoreranno nello stesso campo.

Migliorare l’orientamento universitario nei licei, incrementando le visite nelle scuole territoriali.

Vigileremo affinché in borse di studio o di contratti di formazione specialistica siano in numero adeguato.

10. No agli sprechi, valorizzazione delle risorse da destinare ai servizi per gli studenti, valorizzazione dei poli decentrati

Favoriremo l’istituzione di mense e centri ristoro all’interno dell’ateneo in zone che ne sono sprovviste

Chiederemo che la contribuzione aggiuntiva dei fuori corso si utilizzi a favore degli studenti fuori corso stessi per corsi di recupero e tutoraggio.

Difenderemo il parcheggio libero all’interno del perimetro universitario e incentiveremo l’istituzione di una navetta all’interno di viale delle scienze.

Programmare delle azioni di manutenzione straordinaria e ordinaria delle strutture dell’Ateneo, privilegiando le strutture igienico-sanitarie, le aule didattiche e i laboratori nonchè la sicurezza di tutti gli ambienti. Adottare inoltre soluzioni per l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti rinnovabili.

Valorizzazione finanziamenti europei e le risorse messe a disposizione da Stato e Regione evitando che non siano spese o sprecate.

11.Promozione attività culturali per gli studenti universitari ed eco-sostenibilità

Promozione delle attività ricreative e culturali organizzate per gli studenti e favorire così il senso di appartenenza ad Unipa come comunità di individui oltre che come sede di studio (musica, pittura, fotografia, cori ecc.).

Promozione di sistemi di raccolta rifiuti e pulizia e mobilità eco-sostenibili anche al policlinico e nelle altre sedi al di fuori di viale delle scienze (es.: raccolta differenziata, eco-compattatori per le bottiglie di plastica che forniscono sconti, bike sharing ecc.).

12. Valorizzazione dei poli decentrati

Vigileremo sulle coperture economiche per i poli decentrati.

Avanzeremo la proposta di apertura di nuovi corsi di Laurea, segnatamente: corsi appartenenti al ramo umanistico, corsi finalizzati alla rivalutazione del patrimonio Trapanese, (INGEGNERIA NAVALE e SCUOLA DI ECONOMIA E FINANZA).

Proporremo la stipula di convenzioni con il CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO, al fine di permettere agli studenti trapanesi pari opportunità di conseguire attestati tramite la frequenza di tali corsi.

Favoriremo l’istituzione di mense e centri ristoro all’interno dei poli decentrati.

Ci impegneremo a garantire maggiori spazi per lo studio individuale o di gruppo.

Promozione di sistemi di raccolta rifiuti e pulizia e mobilità eco-sostenibili (es.: raccolta differenziata, eco-compattatori per le bottiglie di plastica che forniscono sconti, bike sharing ecc.).

13. Rappresentanza degli studenti nei dipartimenti

#studentiuniversari

You may also like...

Lascia un commento